sabato 19 marzo 2016

Vallo Alpino: Caposaldo Courbarant (Bobbio Pellice)



Il Colle Barant (2.376 metri s.l.m.) divide la Conca del Prà dal Vallone dei Carbonieri. È conosciuto anche come Colle Baracun, per via di un baraccamento militare costruito probabilmente alla fine dell'800 e usato per controllare eventuali movimenti di truppe francesi. Questa struttura fu in seguito ingrandita e utilizzata durante la 2° guerra mondiale come caserma VIII della Guardia alla Frontiera: composta da due piani, con un’intercapedine sul retro e un baraccotto esterno che ospitava le latrine, poteva ospitare 60 soldati. Dopo un lungo periodo di abbandono, l’edificio è stato recuperato verso la fine degli anni ’90 grazie alla Comunità Montana Val Pellice (ora Unione Montana del Pinerolese), ed oggi è noto agli escursionisti come il “Rifugio Barant”.


Nell’ottobre del 1913 fu inaugurata la mulattiera Pralapia – Alpe Roussa – Col Barant. Negli anni ’20 i militari eseguirono alcune riparazioni alle strutture presenti al Col Barant e al Col Porsel; furono inoltre  realizzati dei piccoli ripari per muli presso i vecchi trinceramenti. Ciononostante, nel 1932 fonti del servizio di spionaggio francese giudicavano “abbandonata” la posizione del Barant.
Alla fine degli anni '30, la soffiata di alcuni contrabbandieri, che avevano segnalato agli italiani la presenza di truppe francesi nella Valle d'Abries, impegnate soprattutto a migliorare ed allargare le strade e le mulattiere che conducevano ai colli della Croce e Seilliere, mise in forte agitazione gli alti comandi italiani. Fu così che nel 1938 si iniziarono alcuni lavori di miglioramento della viabilità, con la costruzione della strada che ancora oggi risale il Vallone dei Carbonieri e che, nel 1940, raggiunse il Colle del Baracun.

I progettisti del Genio del Corpo d'Armata di Torino predisposero un nuovo progetto di sistemazione difensiva della Val Pellice, proponendo uno sbarramento mastodontico. Soltanto per zona del Courbarant vennero progettate 18 opere armate in caverna e 5 ricoveri, prevedendo l’impiego di circa duecento soldati. Si trattava di un progetto in gran parte sbagliato, compilato in tutta fretta per recuperare il tempo perduto; il ministero della Guerra di Roma se ne accorse immediatamente e rispose al comando della 4° Armata ordinando, per la zona del Baracun, di sopprimere metà delle opere, ritenute non indispensabili, affidando l'azione a difesa del Colle della Croce alla 150° batteria G.a.F. del Fautet, già realizzata. Il progetto fu rivisto, corretto e finalmente approvato il 31 luglio 1939. Erano previste 5 opere (numerate progressivamente dalla 11 alla 15) ai piedi della dorsale del Curbarant, tra la Colletta e la Mait del Prà. Il 10 agosto 1939 iniziarono i primi lavori di picchettamento e scavo, ma le condizioni meteorologiche particolarmente inclementi impedirono di effettuare le gettate di cemento. Furono inoltre stesi alcuni tratti di reticolato di filo spinato in località Mait del Prà (in parte ancora visibili), che avrebbero dovuto arrivare fino alla Colletta.



All'inizio del 1940, data la facile percorribilità della dorsale del Baracun” si ritenne “necessario potenziare la posizione tanto nel senso frontale quanto nel senso della profondità”, trasformando le strutture di cui erano già iniziati gli scavi in opere piccole, resistenti ai medi calibri e adeguate ai principi della circolare 15000. Furono inoltre progettate tre opere grosse in parte in caverna, così distribuite: la 14/a sulla dorsale del Courbarant, la 15/a nei pressi del Colle del Baracun e la 16/a sullo sperone ad ovest del Colle della Mait del Prà (quest’ultima in sostituzione delle opere 14 e 15). Tali opere avrebbero più efficacemente contrastato eventuali attacchi provenienti dal confine francese (colli Urina, Croce e Vittona). Per agevolare i rifornimenti in quota fu inoltre prevista una teleferica che raggiungesse la zona del Courbarant salendo dalla borgata Eissart (progetto poi abbandonato, data la presenza della teleferica del Fautet).

Nell’agosto del 1940, con la guerra contro la Francia in corso, lo Stato Maggiore decise di abbandonare ogni progetto difensivo riguardo il Col Baracun: “Com'è noto la zona della Val Pellice è quella dove la sistemazione difensiva è rimasta più arretrata. E' opportuno pertanto che venga terminato almeno lo sbarramento di Villanova e gli sbarramenti del II sistema già in fase di costruzione. Tenute presenti le necessità di ridurre i programmi già concretati si ritiene possibile rinunciare alle opere difensive del Baracun i cui compiti potranno essere affidati - come si è verificato durante le recenti operazioni - a batterie mobili”, ovvero la 150° e la 31°, descritte più avanti. Fu così che l’unica opera a venire completata fu la 35, mentre di alcune delle altre opere, progettate a sbarramento del colle, furono appena iniziati gli scavi delle fondamenta.
Il Colle Barant è oggi raggiungibile sia dal versante est, attraverso la  strada ex-militare sterrata che parte dal Rifugio Barbara Lowrie, sia da quello ovest, con una pista di più recente realizzazione che lo collega alla Conca del Prà.
Salendo dal Rifugio Barbara, giunti al bivio per l’Alpe La Rossa si può scorgere una piccola struttura in calcestruzzo posta a ridosso del versante montano sul lato opposto: si tratta della stazione di arrivo della teleferica del Fautet. Per raggiungerla occorre prendere la diramazione che scende verso l’alpeggio e poi, dopo l’ultimo tornante, imboccare sulla sinistra una mulattiera militare, in evidente stato di abbandono, passando accanto ai ruderi di quello che probabilmente era un altro vecchio baraccamento militare. L’edificio della stazione della teleferica si presenta in buono stato di conservazione, con i muri integri mentre il tetto a due falde, realizzato con mattoni rivestiti esternamente in cemento, sta ormai cedendo in vari punti. All’interno si trova il basamento che sorreggeva la parte meccanica, con la puleggia motrice e la corona dentata ancora presenti. Poco a est si possono vedere i resti di uno dei piloni che sorreggevano i cavi. La teleferica proveniva da Crosetta, sul fondovalle della Comba Carbonieri, ed era utilizzata per rifornire la 150° batteria campale G.a.F.. Infatti, salendo pochi minuti in direzione est fino a raggiungere la vetta pianeggiante del Monte Fautet, si incontrano le quattro piazzole che ospitavano i cannoni da 149/35. Di forma squadrata, sono realizzate appena a valle della cresta, in modo da risultare protette da eventuali attacchi, e sono disposte obliquamente rispetto al versante. Si trattava di una batteria all’aperto di cannoni a grande gittata, allo scopo di battere i colli di confine. Una seconda batteria, la 31° dotata di pezzi da 75/27, secondo le mappe dell'epoca era posizionata più in basso, sul versante verso il vallone della Biava, anche se non si sono rilevate resti di piazzole. Era stata prevista anche la costruzione di due ricoveri per uomini e munizioni, che però non furono mai realizzati.
Proseguendo in direzione del Colle Barant, si raggiunge la località Pian delle Marmotte dove si notano alcuni ruderi di baraccamenti destinati ad alloggiare i militari, oggi utilizzati dai pastori per il ricovero delle greggi. Sempre qui si possono ancora osservare vari cumuli di pietre disposte a cerchio, che presumibilmente sono ciò che rimane del “Campo trincerato del Gias Superiore”, indicato sulle mappe di fine‘700.
Dopo aver raggiunto il colle con l’ex ricovero VIII, nei cui pressi si notano i resti di una vasca per la raccolta dell’acqua piovana, si può percorrere il costone a nord-est dove si trovano numerose piazzole e spianamenti in terra battuta al riparo della cresta, destinate un tempo ad ospitare le tende dei militari, oltre ad alcune tracce di scavi per opere (forse la 16/a) e postazioni all’aperto, verso il Colle della Mait del Prà. Proprio sopra l’attuale rifugio, vi sono i resti dell’osservatorio del Barant, costituito da un semplice muretto a semicerchio in pietra a secco in splendida posizione dominante sulla Conca del Prà e su tutto il crinale di confine con la Francia.
Scendendo lungo la pista dal lato verso il Prà si possono trovare un altro rudere di baraccamento militare con i resti di una cucina, alcuni mucchi di filo spinato, piazzole e spianamenti e una vasca in cemento per la raccolta dell’acqua. Poco più a valle, in corrispondenza del primo tornante, ecco l’opera 35, l’unica completata, posta a circa 2.300 metri di altitudine. Edificato al riparo di un blocco roccioso e mimetizzato con l’utilizzo di pietre locali, il bunker ha il proprio ingresso ben visibile grazie alla struttura in cemento armato ed è costituita da una semplice postazione per due mitragliatrici battenti a nord, verso la Conca del Prà ed il Colle della Croce.
Scendendo ulteriormente di quota si raggiunge il giardino botanico alpino “B. Peyronel”, realizzato negli anni ’90: il piccolo edificio ristrutturato come riparo per le guide-custodi del giardino era naturalmente un ricovero militare, e alle sue spalle si può osservare l’inizio di uno sbancamento per l’opera 14. Verso est, sopra la strada, sono ancora visibili i piloni e il cavo di una teleferica che collegava la zona con la sottostante Conca del Prà.
Proseguendo la strada arriva in località Colletta, dove è possibile imboccare il bivio della mulattiera militare dell’Autagna, che attraverso numerosissimi tornanti scende, dopo un dislivello di 1.200 metri, fino al fondovalle principale, nei pressi della borgata Eyssart. Nei dintorni si trovano i resti del ricovero IX, ormai completamente diruto, con a fianco i basamenti di una teleferica o qualche altro impianto. Poco a monte, sulla dorsale del Courbarant, restano alcuni trinceramenti di probabile origine fine-settecentesca, utilizzati anche durante il periodo della seconda guerra mondiale come appostamenti. Infine, continuando a scendere lungo la pista, in corrispondenza di alcuni speroni rocciosi a valle della strada si osservano gli scavi e gli sbancamenti realizzati per le tre opere 11, 12 e 13, mai completate.
Anche per il vicino Col Porsel, raggiungibile o dal Pian delle Marmotte oppure percorrendo la cresta a sud-ovest del Barant, venne prevista la costruzione di  due opere, denominate 21 e 22, al fine di “chiudere con una robusta porta il colle”, che però non furono nemmeno iniziate. Attualmente sul valico sono visibili i ruderi del ricovero VII, realizzato al riparo della cresta, che avrebbe dovuto ospitare 20 soldati, e nei dintorni una postazione all'aperto, protetta solamente da un muro di pietre.




Sfoglia la gallery fotografica qui sotto:

Vallo Alpino: Caposaldo Col Barant o Courbarant (Bobbio Pellice)

1 commento:

  1. grazie, esaudiente spiegazione ben corredata di immagini e cartografia tecnica. Valerio

    RispondiElimina